raccolte cd
timberland euro, timberland uomo 6 inch stivali, timberland uomo barca stivali, timberland uomo earthkeepers, timberland uomo euro hiker stivali, timberland uomo nellie chukka, timberland uomo rotolo top stivali, timberland uomo scarpe da spiaggia, timberland donna 6 inch stivali
Sasso di Simone

Sasso di Simone e dintorni

di Luciana Bussotti, Franca Cosci, Roberto Nannoni, Vincenzo Terreni


Gita breve, ma intensa e gratificante, dal 5 al 6 agosto 2009.
Meta finale Sasso Simone, in provincia di Arezzo, una riserva naturale al confine con le Marche di cui ignoravamo l’esistenza.

Il viaggio è stato piacevole: all’andata breve sosta ad Ambra (e l’acquisto di panini con la porchetta adocchiata da Roberto che si riveleranno ottimi).

 

 

 Ambra  torrente Ambra
 Ambra
 Gellinella sul torrente Ambra

 

 

Ci siamo fermati in un’area protetta del fiume Arno nella zona di Ponte a Buriano: pochi esseri umani, ma moltissimi volatili (aironi, bianchi e cinerini, nitticore, garzette, cormorani, gabbiani) e una tartaruga su un albero mollemente adagiata nei pressi di un isolotto in mezzo al fiume. Binocoli e digitali hanno lavorato assai, non riuscivamo a staccarci da quello spettacolo al punto che uno di noi (in pantaloncini corti) si è accorto tardi di avvicinarsi furtivamente agli uccelli in un campo di ortica.

 

 

 Arno area protetta ponte a Buriano Arno Airone bianco e tartaruga al sole
 Aironi cinerini, nitticore e germani reali
 Arno: area protetta ponte a Buriano
 Arno: Airone bianco e tartaruga al sole
 Aironi cinerini, nitticore e germani reali
 Una carota selvatica  Malva  Canne palustri
 Fiore di carota selvatica
 Althea officinalis, malvacea dei luoghi umidi
 Le canne palustri dominano le rive

 

 Grande affollamento: ora anche cormorani e gabbiani  Uno stormo di nitticore disturbata si allontana pianta piumosa
Grande affollamento: ora anche cormorani e gabbiani
 Uno stormo di nitticore disturbate si allontana
 

 

 

 

Il lago di Montedoglio

Un cardo colorato
Il lago di Montedoglio
Un Eringio dal bel colore ametista

La gita promette bene. Lasciato il bosco e gli uccelli, abbiamo proseguito il viaggio verso Sestino (e Sasso Simone) costeggiando il lago di Montedoglio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prima di arrivare ci siamo fermati alla cascata di Presalino per il pranzo: un bel posticino, pur se già occupato (da una famiglia numerosa e un po’ invadente): abbiamo pranzato, toccato l’acqua, gelida, osservato i girini, alcuni già quasi ranocchi, individuato due strani “capelli neri” in movimento enigma per la gioia dei naturalisti.

 

 

La cascata di Presalino Vegetazione tipica Strati messi a nudo dalle frane
La cascata di Presalino
Vegetazione tipica
Strati messi a nudo
 Uno strano esserino  .. ancora con la coda  gerride
Lo strano esserino
 Girino ancora con la coda
 Un gerride

 

 

Siamo arrivati nel primo pomeriggio al Rifugio Casa del Re, dove Luciana e Roberto erano già stati lo scorso anno: baci e abbracci affettuosi con Lara, la giovane e brava organizzatrice del ristoro e delle iniziative, e con Paolo, che stava accuratamente tagliando i fiori secchi delle santoline. La camera è risultata spartana (letti a castello e chiavaccio all’antica), ma ampia, comoda e con una vista bucolica della vallata (piacevole scoperta: connessione internet veloce gratuita).

 

 

 Casa del re istruzioni per l'uso  Casa del Re edificio e vialetto d'accesso Casa del Re veduta della valle
 Casa del Re: istruzioni per l’uso
 Casa del Re: edificio e vialetto d’accesso
 Casa del Re: veduta della valle
 Casa del Re il prato non viene falciato  Casa del Re la cicoria in fiore  Casa del Re: una pietra di un muretto..
Il prato all’esterno non viene falciato
La cicoria in fiore
 Una pietra di un muretto..

 

 

Dopo una rapida sistemata ci siamo diretti verso Sestino (AR) dove, con la guida piacevole ed esperta di Luciano, abbiamo visitato il piccolo, ma ben organizzato Centro Visita della Riserva Naturale di Sestino e il magico museo dei reperti archeologici. Sestino infatti è stato un importante centro commerciale in epoca romana e anche se quasi tutti i reperti sono finiti in mani private o in musei stranieri, come la moneta etrusca rettangolare, con effigiato un bel toro che si trova a Berlino, lì c’è solo una copia), quel che rimane è sufficiente a costruire un clima decisamente suggestivo.

 

 

Museo Sestino: monumento funerario Mueso Sestino: una Venere di ottima fattura Museo Sestino, moneta etrusca
Museo Sestino: monumento funerario
Museo Sestino: una Venere di ottima fattura
Copia della moneta etrusca

 

 

Casa del Re, inizio del sentiero per Sasso di Simone  .. si attraversa la cerreta ed i suoi abitanti.
Casa del Re, inizio del sentiero per Sasso di Simone 
... si attraversa la cerreta ed i suoi abitanti.

 

Un posto di riguardo è occupato dalla descrizione naturalistica della zona di Sasso di Simone e Simoncello: una serie di rappresentazioni pittoriche che si susseguono in piani diversi sono raggiungibili da alcuni scalini che imitano la salita fino al monte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 La salita prosegue tra calanchi e canaloni. Sasso di Simone e Simoncello con i loro ospiti
 Sasso di Simone visto dal grande faggio
 La salita prosegue tra calanchi e canaloni.
Sasso di Simone e Simoncello con i loro ospiti
 Sasso di Simone visto dal grande faggio

 

 

 

Museo di S. Donato: la chiesa restaurata S. Donato, la Madonna nell'affresco più recente
Museo di S. Donato: la chiesa restaurata
S. Donato, la Madonna nell’affresco più recente

 

La nostra guida ci ha poi portato, un paio di chilometri più in là, alla chiesa di S. Donato dove sono stati fortunosamente ritrovati tre affreschi, dipinti ad un secolo di distanza l’uno dall’altro e sovrapposti e adesso staccati e ripristinati per quanto possibile: sono emerse due Madonne con bambino molto belle e un San Sebastiano che nei tratti ricorda la scuola di Filippo Lippi. Accanto alla chiesa un antico campanile, nel mezzo una inopportuna abitazione moderna (impreziosita da infissi in alluminio anodizzato giallo).

 

 

 

 

 

 S. Sebastiano è quasi completo.  Il campanile e la curiosa finestra. .. ci si prepara per un inverno rigido.
Il S. Sebastiano è quasi completo.
 Il campanile e la curiosa finestra.
 .. ci si prepara per un inverno rigido.

 

 

La prima giornata, bella e densa, si è conclusa con una cena adeguata (primi saporiti, tagliata, carne al pepe bollita nel vino rosso, verdure, dolce e vino della casa) che ci ha rimesso in forze. Vincenzo e Roberto hanno sistemato le foto e dopo aver ammirato il panorama sterminato e verde di cerri, ce ne siamo andati a dormire.

 

 

 Casa Barboni: inizio della salita  Viole mammole
 Casa Barboni: inizio della salita
Fior cappuccio (Delphinium)

 

Dopo una bella colazione all’aperto (marmellata e miele genuini, graditi anche dalle vespe) ci siamo diretti, con zaini, panini e giacche, verso Case Barboni, piccolissimo borgo quasi disabitato, ma con una casa quasi cadente che sfoggiava un paio di colonne e altri ornamenti provenienti dalla medicea "Città del Sole".

 

 

 

 

 

 

 

 Calanchi grigi Simoncello galleggia sui cerri
 Calanchi grigi
 Simoncello galleggia sui cerri

 

 

Da lì abbiamo cominciato la nostra escursione verso Sasso Simone con passo calmo e osservando quanti più sassi e piante possibili per sfruttare le competenze dei nostri amici. La salita è stata così graduale e piacevole con incontri inaspettati come quello delle chianine al pascolo sopra un pianoro, una che allattava il vitellino ci ha guardato sospettosa. Dopo un bel po’ di foto, e la deviazione nel bosco per non passare vicino, abbiamo proseguito e raggiunto il “grande” faggio, un paio di secoli assai ben portati, dove ci siamo riposati prima dello sprint finale: la salita sull’altopiano del Sasso Simone (da 981 a 1204m).

 

 

 

 

 Un canalone tra i calanchi  Cure parentali  .. un paio di sfingi.
 Un canalone tra i calanchi
 Cure parentali
 .. un paio di "sfingi".
 Cerri e calanchi grigi  ... con venature rosa di manganese  Sasso di Simone visto da metà percorso
 Cerri e calanchi grigi
 ... con venature violacee per il manganese
 Sasso di Simone visto da metà percorso
 Una farfalla su un cardo  Il grande faggio (200 anni circa)  un insetto su un cardo
 Una farfalla su un cardo
 Il grande faggio (200 anni circa)
 Un cirsio ospiata una xilocopa

 

 

Non è stata troppo impegnativa e comunque meritava la fatica: la natura ha ripreso possesso di questo spazio dove Cosimo I volle costruire una "Città del Sole" (foto pannelli) che durò però poco: troppo disagevole e freddo lo spazio. Oggi rimangono resti di mura coperti di muschio, una cisterna per l’acqua piovana quasi interrata e poco più. In compenso si ammirano cerri, faggi, biancospini di dimensioni rispettabili e un bel panorama a 360° sulla più estesa cerreta d’Europa interrotta da calanchi grigi venati di rosso. Abbiamo pranzato all’ombra, quasi troppo fresca di frassini imponenti, Luciana ha trovato altri esemplari di una malva del luogo, abbiamo fatto il perimetro del Sasso, osservato il Simoncello, che rimane nelle Marche e risulta ricco di vegetazione. Poi con calma abbiamo ripreso la discesa verso Case Barboni.

La cena ci ha, al solito, ritemprato.

 

 

Cosimo I e la sua fortezza .. una volta era il corso principale fiori
Cosimo I e la sua fortezza
.. una volta era il corso principale
 Malva moschata
Un lichene fruticoso sulla corteccia di un cerro La parete sud del Sasso di Simone Un canalone pieno di detriti
Un lichene fruticoso
La parete sud del Sasso di Simone
Un canalone pieno di detriti di frana
farfalla su fiore Una "foresta" di biancospini Cerro equilibrista
Una farfalla sui fiori di ebbio
Una “foresta” di biancospini
Frassino equilibrista
farfalla su calcare Una galla, abitata, su una rosa canina Visione dallo spazio
Una licena si riposa
Una galla, abitata, su una rosa selvatica
... da qui non l’abbiamo ancora visto!