raccolte cd
timberland euro, timberland uomo 6 inch stivali, timberland uomo barca stivali, timberland uomo earthkeepers, timberland uomo euro hiker stivali, timberland uomo nellie chukka, timberland uomo rotolo top stivali, timberland uomo scarpe da spiaggia, timberland donna 6 inch stivali
Capraia

 

 

Capraia

Capraia

Arcipelago toscano

di Loachim Langenek

 

In un campione di ghiaia raccolto a Capraia ad una profondità di 14 m, la cosa più rilevante è che ho trovato sono due nuove specie per la mia tesi, ma comunque in un barattolo di ghiaia c'era un buon numero di specie molto interessanti. Oltre alle specie delle foto abbiamo trovato un Syllidae molto strano, che stiamo cercando di studiare, e due specie considerate molto rare, anche se probabilmente in questo ambiente sono comuni, ossia Prosphaerosyllis laubieri e Dioplosyllis cirrosa.

 

 


 

 

Aponuphis sp. Paradoneis cf. ilvana Pettiboneia urciensis

Aponuphis sp.: gli Onuphidae

sono predatori di fondo

mobile; tendono a costruire

tubi più o meno consistenti,

da cui cacciano d'agguato.

Nel campione c'era un gran

numero di giovanili di Aponuphis,

la specie non è determinabile

e in realtà non c'è accordo su

quante e quali siano le specie

di questo genere nel Mediterraneo.

Paradoneis cf. ilvanal'unico

Paraonidae in buone condizioni

che abbiamo trovato è questo

minuscolo giovanile di Paradoneis.

Le caratteristiche dell'esemplare

non permettono di determinarlo

con sicurezza, ma il tipo di

sedimento è più compatibile

con P. ilvana (descritta da

Castelli alla fine degli anni '80)

che con P. lyra e P. mikeli

 (quest'ultima profonda, non

ancora ufficialmente segnalata

per il Mediterraneo anche se

l'abbiamo trovata al largo della

Sardegna).

Pettiboneia urciensis: questa specie, anche

se abbastanza caratteristica, è stata

descritta solo trent'anni fa. Finora l'avevo

trovata nella mia tesi triennale, ma mai

vista viva, ed è in effetti molto differente

dagli altri Dorvilleidae (le Protodorvillea di

Antignano).

Penso sia un detritivoro legato a sabbie

grossolane.

 

 

Pisione remota Plakosyllis brevipes Syllis tyrrhena

Pisione remotasi tratta di

uno dei policheti più

caratteristici delle sabbie

grossolane, anche se

piuttosto raro.

Appartiene ad una

famiglia piccola e molto

caratteristica per le

quattro antenne cefaliche

e la presenza di due acicule

incrociate davanti alla bocca,

con occhi spostati sul dorso.

Plakosyllis brevipes: questa specie 

 è estremamente caratteristica e

si trova esclusivamente su sabbie

grossolane; in questo campione

ce n'erano alcuni, ed erano

praticamente tutti stolonizzati,

cioè con la parte posteriore

del corpo differenziata nella

fase sessuale a dispersione

pelagica. Rispetto agli altri

Syllidae è caratterizzato dalla

forma estremamente piatta,

con cirri a palletta, somiglia

un po' a Eurysyllis, che è di

fondi duri ed ha anche serie

di tubercoli sui chetigeri.

Syllis tyrrhena: questa specie

è stata descritta molto di recente

(1998) per sabbie grossolane a

media profondità al largo dell'Isola

d'Elba; non è strano trovarlo in

questo ambiente e in questa area

geografica. Si tratta di una specie

biancastra, sottile e delicata, con

cirri corti, occhi piccoli e un basso

numero di chete per ogni parapodio;

ne abbiamo trovato un buon numero.

 

 

 

Echinocyamus pusillus

Echinocyamus pusillus: nel campione c'erano anche alcuni esemplari di questo minuscolo e molto

particolare riccio irregolare, molto facile da confondere con detriti non viventi. Questa specie si

trova in genere su sabbia grossolana e ai margini delle praterie di Posidonia, è comune ma

difficile da trovare per le dimensioni minuscole (quasi sempre sotto gli 8 mm). è la prima

volta che osservo esemplari viventi.